Giovanni e Angelo Bernasconi


 

 

Home

 

Storia

 

Giovanni e Angelo Bernasconi

 

Dove siamo

 

 Consiglio direttivo e Statuto

 

Attività

 

Calendario

 

Links 

 

Gallery

 

                    

 

Giovanni Bernasconi

 

Nato a Cagno, in provincia di Como, il 6 dicembre 1901, si interessò di astronomia fin dall'età delle scuole elementari e, con mezzi molto modesti, si dedicò con grande passione all'osservazione del cielo.

Autodidatta impegnato durante il giorno nella sua professione di disegnatore meccanico, consacrava le notti alla speculazione celeste. Fu un assiduo variabilista  e, nel 1936, gli capitò di essere fra coloro che annunciarono la nova Lacertae 1936 e, nel 1942, la ricorrente T Coronae Borealis.

Il fratello Angelo, che lo seguiva nelle osservazioni, soleva insinuare:"Un giorno o l'altro tu finirai per scoprire qualche cometa". Giovanni Bernasconi riuscì a scoprire ben tre comete: la cometa Van Gent - Bernasconi (1941d), La Cometa Whipple - Bernasconi (1942a) e la Cometa Honda - Bernasconi (1948g). Per queste scoperte si meritò un riconoscimento internazionale della Fondazione Donohoe e l'assegnazione di tre medaglie da parte dell' Astronomical Society of Pacific.

Innumerevoli sono state le sue osservazioni di stelle cadenti, pianetini, aurore boreali, e, ovviamente, di comete; qualcuna è stata oggetto di pubblicazioni. In particolare, una molto interessante, compilata con la collaborazione del fratello, è stata pubblicata nel Handbuch der Physik col titolo "Interpretazione prospettica della coda anomala della Cometa Arend-Roland".

 

 

I mezzi tecnici da lui usati per l'osservazione celeste furono modesti. Iniziò con un rifrattore da 3 pollici che sistemò lui stesso con i suoi risparmi, ma il fratello Angelo lo fece cadere così che l'obiettivo andò in pezzi. Fu subito sostituito da un rifrattore da 80 mm f/13. Solo dopo la Seconda Guerra Mondiale riuscì a procurarsi uno strumento degno di un grande astrofilo: si trattava di un rifrattore da 140 mm f/9, in montatura altazimutale, fissato su una colonna di cemento solida e stabile che egli fece costruire sotto il tetto di casa. Spesso, per le sue osservazioni, faceva uso di un binocolo Zeiss 10x50.

Nonostante le fatiche del lavoro quotidiano e delle lunghe e stressanti, anche se molto appassionanti, ore di osservazione notturna, egli mai si sottrasse ai suoi doveri verso la famiglia, nè rifiutò gravosi impegni civici. È stato anche sindaco del comune di Cagno.

Proteso verso la ricerca delle novità celesti, attento osservatore di quel grande palcoscenico naturale che è il cielo stellato, sempre assiduo nello studio che alimenta il desiderio di sapere, chiuse gli occhi per sempre quell'ormai lontano 17 agosto 1965.

Oltre al gruppo astrofili di Saronno, nel 1997 gli è stato dedicato, unitamente al fratello Angelo, un asteroide: 7848 Bernasconi. A Cagno gli è stata dedicata una via.

 

Angelo Bernasconi

 

Nato a Cagno, in provincia di Como, il 2 settembre 1911, venne introdotto all'astronomia dal fratello Giovanni. Fu, per almeno trent'anni, un attivo osservatore di comete, stelle variabili e meteore. Ebbe la fortuna di osservare la famosa "pioggia di stelle" delle draconidi, il 9 ottobre del 1933.

Dopo l'apparizione della cometa Arend-Roland, nel 1957, della cui spettacolare anticoda i fratelli Bernasconi furono tra i primi a dare una corretta interpretazione prospettica, egli rivolse la sua attenzione alla determinazione astrometrica della forma e dell'orientamento delle code cometarie.

In quel periodo, Angelo Bernasconi venne in contatto con astronomi di diversi paesi e pubblicò alcuni lavori originali sulle Memorie della Società Astronomica Italiana, sul periodico Coelum dell'Osservatorio di Bologna e su altre  riviste scientifiche. Era membro della British Astronomical Association.

 

Panorama del comune di Cagno (CO)

Tra le note biografiche salienti della vita di Angelo Bernasconi lo vediamo impiegato a Varese presso una ditta meccanica subito dopo aver terminato le scuole elementari e medie. Contemporaneamente al lavoro, seguì gli studi magistrali e, dopo il diploma, si dedicò all'insegnamento. Si iscrisse poi all'università di Venezia.

Fu chiamato alle armi come ufficiale e, nel 1943, dopo l'armistizio, venne internato a Friburgo dove seguì i corsi di quella Università. Terminata la guerra, conseguì la Laurea in Lingue all'Istituto Universitario Ca' Foscari.

Si stabilì quindi a Saronno e vi rimase per moltissimi anni, svolgendo la sua attività come insegnante di lingue nei collegi di Saronno e Tradate, poi come preside di scuola media ed infine come insegnante al liceo classico di Varese.

Sono parecchi gli insegnanti che lo ricordano come collega modesto, schivo e riservato, sempre assorto nei suoi pensieri, con "la testa tra le stelle" come capita spesso agli appassionati del cielo, ma noi astrofili ricordiamo le sue lezioni di meccanica celeste, di orbite cometarie e di osservazioni, fatte con cura magistrale.

Angelo Bernasconi, dopo molti anni di presidenza del nostro gruppo, ci ha lasciato il 23 giugno 1990.

(tratto da "Il Gruppo Astrofili G. e A. Bernasconi nel trentesimo di fondazione 1965-1995)

 

Articolo sui fratelli Bernasconi dal notiziario comunale di Cagno (Settembre 2005)

 

 

 

 

 


     

© 2020 - Gruppo Astrofili "G. e A. Bernasconi" di Saronno